Il Piccolo Doge

Il Piccolo Doge
"Pinocchio 2000" opera di Guido Baldessari

martedì 29 novembre 2016

Chiara Carminati: la Poesia come didattica - Lettura Pensata 2017


Anche questa volta, LETTURA PENSATA offrirà numerose iniziative per la promozione alla lettura. Un calendario fitto, fitto di eventi ci trasporterà nel mondo della Poesia: nasce così, per l’anno scolastico 2016-17, “VERSI… DI-VERSI"

Convegni, workshop e un concorso rivolto alle scuole del territorio, affronteranno il tema della Poesia come occasione per riscoprirla, rivisitarla, giocarci, imparando a rispettarla come grande forma di espressione di sé, di comunicazione con l’altro e di apertura verso il mondo.
Il 26 novembre, presso la Scuola Primaria G. Leopardi di Mestre, v’è stato il primo appuntamento con CHIARA CARMINATI, apprezzata e premiata autrice  di vari racconti per bambini, ma anche di manuali per chiunque voglia proporre la poesia come didattica a scuola: il suo libro “PerLaParola” (insieme a “Fare Poesia”) Si rivolge a chi, per passione o professione, si occupa di bambini e ragazzi, nell'idea che la poesia sia il mezzo più potente per esplorare e fare proprie le risorse del linguaggio e che l'acquisizione di queste risorse sia fondamentale per la costruzione di una personalità creativa e l'espressione di un pensiero libero. (Dal sito “Parole Matte” di Chiara Carminati)
Il workshop che si è tenuto sabato scorso è stata una vera e propria sorpresa: ammetto di non amar in particolar modo la poesia e di non esser mai stata portata nel trascriver i miei pensieri in versi, ma Chiara (e mi perdoni l’autrice se mi permetto cotanta confidenza, ma si sa che gli autori che scopri d’amare divengono, in automatico, i tuoi miglior amici) ha saputo in poco tempo, liberare da tutti i luoghi comuni la poesia. È riuscita a rovesciare lo sguardo, i pregiudizi di una poesia che non è né un genere letterario, né il classico luogo dei sentimenti: la poesia è un modo per comunicare e mezzo per affrontare ogni tema.
Leggerla sempre ad alta voce ai bambini (perché la poesia è voce prima di ogni cosa) aiuta, innanzitutto, a non identificarla con un unico genere e a riconoscerla come una dimensione variegata, poiché luogo di libertà e di ribellione del linguaggio (le famose licenze poetiche).
L’importanza, poi, di partire dalle filastrocche tradizionali: la musicalità delle parole, il ritmo e il gesto costruiscono un piano sul quale parola e corpo coesistono, comunicano, mostrano; partire dalle filastrocche tradizionali perché l’alta poesia, quella dei grandi poeti insegnata a scuola da sempre, ne riconosce e riflette i suoi  elementi base!
La poesia come percorso a scuola: come strumento di memorizzazione, scrittura e analisi. Con la consapevolezza che questi non sono il punto di partenza, bensì d’arrivo, attraverso la motivazione a memorizzare, alla lettura ad alta voce di molte poesie come incentivo a scrivere e all’interpretazione personale come primo passo per giungere all’analisi (di nuovo, Chiara, ci dona uno sguardo che rovescia ciò che credevamo di guardare da sempre, regalando nuove visioni, anche d’uso didattico, alla poesia).
La sua lettura espressiva poi, ci permette di creare performance dove masticazione (intesa come articolazione della parola stessa), volume, ritmo, timbro, silenzi, corpo e movimento divengono veri strumenti per comunicare e per conoscere e far conoscere maggiormente se stessi. Si va a lavorare su abilità e competenze non solo a livello interpretativo e cognitivo, ma pure di funzionamento dell’apparato fono-articolatorio: la poesia, dunque, come dimensione inclusiva che agevola strategie e  modalità, laddove un metodo omologante e non pensato per compensare le difficoltà, presenta enormi lacune e vuoti che si riflettono sempre di più nella vita scolastica (e non) dei ragazzi.
Se questo era solo un assaggio di Lettura Pensata… Tenete d’occhio il resto del programma!
Prossimo appuntamento, sabato 3 dicembre, presso l’Auditorium del centro servizi della Città Metropolitana, Via Forte Marghera, n. 191 – Mestre
Si ringrazia Francesca Betetto dell’U.S.T. di Venezia, tra gli organizzatori, per aver coinvolto Il Piccolo Doge in questa grande iniziativa.
Pagina Facebook di LETTURA PENSATA